S’incontrano nell’intangibile, fuori dal tempo, prima che si sfiorino i corpi, le anime; s’incastrano indissolubilmente, fanno l’amore in mezzo alle stelle, e quando raggiungono il culmine finiscono disperse qua e là nell’universo. Non sempre si ritrovano alla prima vita, spesso di vite ne passano cento. Ma quando accade è la stessa attrazione, quel percepirsi complici e affini fin dentro la pelle. Lo chiamano colpo di fulmine; io credo sia memoria astrale. (G. Pannia)

20/06/2016

Annunci