Arriveranno le tempeste, e colpiranno lasciando segni indelebili sulla pelle e nelle profondità dell’anima. Poi, quando la speranza sembrerà scemare, tornerà il sereno. E non sarai lo stesso, né il mondo per te lo sarà, né chi ti sta attorno. Guarderai con occhi nuovi, valuterai con più rigore, vorrai accanto persone marchiate con le tue stesse cicatrici, e non quelle che fanno drammi per un graffio. O che giocano a recitare la parte dei vissuti avendo l’anima intonsa, la vista corta e la serenità essenziale comodamente servita su vassoi d’argentea ignoranza. (Gabriela Pannia)

31/10/2015

Annunci