Il freddo avvolgeva i paesaggi, la notte si ritirava e la sua poesia andava a rintanarsi sotto il cappello dei funghi. L’aria odorava di legna, di pioggia, di terra, di zucche, di foglie. Era l’alba, era ottobre. (Gabriela Pannia)

1/10/2017

Annunci