Cerca

Purple Soul

Le cose materiali permettono la vita; la Poesia nutre lo spirito. (G. Pannia)

Mese

dicembre 2017

Il mio augurio? Che il 2018 sia l’anno per cui, a fine anno, tu possa dire “Però, di anni strepitosi così dovrebbero essercene molti di più”. (Gabriela Pannia)

31/12/2017

Annunci

– Per il nuovo anno ho deciso di mettermi bene in cerca della felicità…

– Fino ad ora non l’avevi mai cercata?

– Sì, l’ho fatto. Temo, però, in persone e luoghi sbagliati.

31/12/2017

E come da tradizione, ecco giunto il giorno dei buoni propositi per il nuovo anno. Vediamo, mi sa che non differiscono poi molto da quelli dell’anno scorso: amarmi di più, amare di più, perdonare sin dove è umanamente possibile, circondarmi di persone e cose sane, coltivare la gioia del cuore, essere coerente e pulita, combattere per ciò che ritengo giusto e contro ciò che reputo inaccettabile, essere in tutto esempio ed azione concreta, non solo una collana di ricercate parole. E poi? E poi voglio esagerare come sempre, voglio credere ancora nei sogni, nelle anime belle, nella poesia, nelle passioni, nelle vocazioni, nella speranza mista a tenacia capace di spazzare via le nubi dai cieli tetri dell’impossibile; voglio credere nei finali lieti, nel potere di un sorriso e nella magia. Senza tutte queste cose si può arrivare lo stesso ovunque; ma senza, fidati, non si arriva mai troppo lontano. (Gabriela Pannia)

31/12/2016

Il tempo è un’invenzione dell’uomo, lo stratagemma per annotare e poi camuffare la Storia, l’alibi per disporre finte feste o consegnare i polsi alla malinconia. Le nuove ere non esistono, è tutto sospeso; sarà realmente futuro quando avremo imparato a vivere senza farci del male. (Gabriela Pannia)

30/12/2017

Lasciate ai superficiali i fuochi di paglia e di artificio, scegliete ciò che brilla e al contempo scalda; il sole, un abbraccio, quell’inestimabile gioia che caratterizza ogni primo passo del partire o ripartire. (Gabriela Pannia)

30/12/2017

Si fa presto a dire notte, quando le ombre scendono ad avvolgere i paesaggi, i sentieri ed i tecnicismi della ragione; ma la notte è una luce accesa sui sogni, su quei pensieri rivoluzionari e folli che possono il meglio nelle esistenze dei coraggiosi. (Gabriela Pannia)

29/12/2017

Appartengo alla notte come l’anima a questo mio corpo; e se un giorno il corpo sarà per l’anima un lontano ricordo, la notte sarà ancora, in tutto e per tutto, la mia indimenticata e mai più abbandonata casa. (Gabriela Pannia)

28/12/2017

Vite intere spese a desiderare miracoli, quando la vita stessa è incomprensibile. Esserci in mezzo a tutto questo essere è il prodigio, il dono che non va reputato dovuto, lo spettacolo a cui mai bisognerebbe rivolgere uno sguardo irriconoscente. (Gabriela Pannia)

28/12/2017

Arrivano leste, arrivano piano, rivolgono domande, bisbigliano risposte; accolgono lacrime, strappano sorrisi, coprono d’ombre il mondo, mettono in luce i bisogni del cuore. Dovremmo festeggiarle, le nostre care notti. Perché una notte trascorsa come l’anima comanda ci riconsegna al sole profondamente cresciuti. (Gabriela Pannia)

27/12/2017

Ed ora che il Natale è passato, appendete e scordate per un po’ il cappello rosso e bianco della festa; non i buoni propositi, non le buone strade, non la vostra ricerca di significati. Neppure il buono che ogni giorno vi colora il cuore. (Gabriela Pannia)

27/12/2017

Che sia Natale sulle tavole apparecchiate, anche lì dove c’è poco da servire; che sia Natale tra i vicoli delle strade, anche in quelle ferite da abbandono e solitudine; che sia Natale tra chi soffre, specie per chi sperimenta la versione più ostile della vita; che sia Natale nelle menti delle persone, soprattutto in quelle che ininterrottamente tramano il guadagno sulla pelle del prossimo. Che sia Natale nel cuore, prima di tutto. Perché un buon cuore è sempre una chance di salvezza per questo povero e sottinteso bellissimo mondo. (Gabriela Pannia)

25/12/2017

A Natale non spunta la felicità, non torna la salute e non spariscono i problemi; il Natale è l’occasione per guardare al positivo e mettere in ricarica le speranze. Per ringraziare di ogni gioia, contare e coccolare le certezze, farsi e dare forza, confessare a chi amiamo quanto ci è caro. (Gabriela Pannia)

24/12/2017

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: