Si riesce a stare benissimo, di notte.

Di notte siamo più propensi a sognare e sognare ci avvicina a noi stessi, ci riabitua a sperare.

Sperare è la carezza dei tempi felici, il conforto dei momenti impegnativi.

(Gabriela Pannia)