La mia finestra aperta sul mattino di queste giornate strane.
Qualcuno che fischietta per richiamare indietro la normalità.
Le cose che mancano e non pensavi potessero mancare, come il suono delle campane.

(Gabriela Pannia)