Come ci scopre fragili e piccoli, la notte.
Eppure, in questa nostra gracilità carnale, sentiamo il divino vibrare nell’anima.
Eppure, coi minuscoli e ciechi occhi di cui disponiamo, attraverso le stelle, captiamo i misteri imperscrutabili dell’infinito.

(Gabriela Pannia)