Domenica: a riposo come vegetazione selvatica di fronte al solitario mare di maggio.
A fare di ogni raggio un segno benigno, a cercare nei geroglifici delle nuvole le equazioni della vita.

(Gabriela Pannia)