La voce del mare che si schianta sugli scogli, sulla sabbia, sulla pelle, negli incavi delle conchiglie.
Ditemi quale altro suono, a questo mondo, sa riportare così egregiamente l’anima ai suoi vagiti primordiali.

(Gabriela Pannia)