Cerca

Purple Soul

Le cose materiali permettono la vita; la Poesia nutre lo spirito. (G. Pannia)

Categoria

aforismi

Luna: il sole pacato della notte sotto il cui sguardo non sbocciano fiori ma si schiudono sogni.

(Gabriela Pannia)

La pratica più benefica che possiamo riservare a noi stessi è quella della lucida selezione; appena si può, solo con ciò che ci arricchisce, solo con chi ci aiuta a essere persone migliori.

(Gabriela Pannia)

– Ho un sacco di amici che mi pensano e pochi amici che ci sono.
– E quindi?
– E quindi ho deciso di tenermi solo gli amici che ci sono. Quelli che pensano e basta per me, d’ora in poi, possono darsi alla filosofia.

(Gabriela Pannia)

Stammi accanto, mio Dio.
Quando chiedo troppo e quando sono ingrata.
Quando mi mostro vigliacca e mi accorgo di essermi persa molte lezioni.
Stammi accanto quando la paura di ciò che può arrivare mi fa scordare i doni di cui mi inondi nel presente.
Abbracciami anche se sono incontentabile.
Consolami se mi ostino sul negativo.
Guariscimi anche se faccio di tutto per restare malata.
Sopportami se continuo a dire che molto è ingiusto.
Guidami senza arrabbiarti per la mia fede titubante.
Dimmi, se vuoi, che andrà tutto bene.
Perché, se sei Tu a dire che andrà bene,
andrà bene di sicuro.

(Gabriela Pannia)

Notte, mia cara notte, mia dolce notte.
Mio sguardo sul tutto.
Mio sfogo muto.
Mia carezza salutare.
Mia dimensione ideale.

(Gabriela Pannia)

Sai cosa mi ha insegnato questo periodo, cara luna?
Che il mio più grande desiderio è poter trattenere le persone e le cose che mi fanno da radici e, al contempo, mi danno la forza di credere che, nelle questioni per me importanti, io possa davvero spiccare il volo.

(Gabriela Pannia)

Grazie Dio per questa natura eccezionale, per questi colori magnifici, per queste sensazioni idilliache, per le creature che non conoscono cattiveria, per tutta questa incommensurabile bellezza e per aver fatto elemento irripetibile del Creato anche me.

(Gabriela Pannia)

La voce del mare che si schianta sugli scogli, sulla sabbia, sulla pelle, negli incavi delle conchiglie.
Ditemi quale altro suono, a questo mondo, sa riportare così egregiamente l’anima ai suoi vagiti primordiali.

(Gabriela Pannia)

Il segreto è cercare dentro noi cose che sembrano segrete, sempre.
Il perché della fine, il miracolo degli inizi, il nocciolo della questione, i semi del conforto.

(Gabriela Pannia)

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: