Cerca

Purple Soul

Le cose materiali permettono la vita; la Poesia nutre lo spirito. (G. Pannia)

Categoria

Interviste

Fede, Lettura e Scrittura: incontro con Matteo Pugliares ed i suoi piccoli segreti di felicità

Nessun incontro avviene per caso, forse neppure quelli che finiamo col maledire per il resto della vita. Siamo milioni di persone, eppure con quante anime avremo a che fare in questo nostro terreno peregrinare? Chi tra queste si rivelerà un esempio da seguire, un amico affidabile… e chi sarà una presenza fugace, che non ci lascerà nulla di buono se non l’insegnamento di ciò che non vorremo mai diventare? Matteo Pugliares per me era solo un frate cappuccino “incontrato” su un social, che come me leggeva e scriveva quando, colpita da un grave lutto familiare, aggrappata alla Fede per non soccombere al dolore, decisi di scrivergli in privato, su Facebook, in cerca di un ulteriore conforto, tra i conforti, per una tragedia che presto o tardi colpisce tutti e che, pur tra decine e decine di significati, resta il più grande e definitivo mistero della nostra esistenza.

Continue reading “Fede, Lettura e Scrittura: incontro con Matteo Pugliares ed i suoi piccoli segreti di felicità”

Annunci

Illustrazioni e storie fantastiche: intervista a M.C. Willems

Prendete la fantasia ed i suoi effetti curativi, fatene un’occupazione giornaliera e sentirete la vita più leggera. Aggiungete alla fantasia un pizzico di talento genuino ed essa vi regalerà piccole e grandi soddisfazioni; ricamateci attorno un paesaggio, dei personaggi, una storia e, complice chi ama l’arte, darete al mondo un piccolo grande capolavoro.

Continue reading “Illustrazioni e storie fantastiche: intervista a M.C. Willems”

Desideri in punta di penna e tanta magia: intervista alla Pagina Facebook “Se fossi Poesia”

Il mondo potrà dirsi privo di speranza solo quando un tramonto, il mare, un fiore o un’alba verranno guardati senza che questo susciti un commosso slancio di umana poesia.

Per la prima volta inizio un articolo con un mio aforisma, e me lo concedo perché io amo da sempre la Poesia, in modo viscerale.

Credo fermamente, come altri più famosi hanno pensato, scritto e detto nella storia dell’umanità, che essa salvi e che essa renda accessibili i più profondi significati della nostra esistenza. Ritengo che un pizzico di poesia alberghi in ogni cosa, bella, brutta, delicata o imponente che sia.

Continue reading “Desideri in punta di penna e tanta magia: intervista alla Pagina Facebook “Se fossi Poesia””

La Fiaba come non l’avete mai vista: intervista al giovane illustratore Michelangelo Rossato

Alzi la mano chi, tra tutti voi, non è stato assalito da un incontenibile monito di delusione ogni volta che, avendo già letto ed amato un libro, ha fatto l’azzardato passo di andare a guardarne la trasposizione cinematografica; magari non sarà proprio successo ogni volta – Tolkien e le sue opere sono, almeno per la sottoscritta, una consolante eccezione  – ma nella maggior parte dei casi, ahimè, è così.

Un libro, specie un libro che piace, diventa nostro e smette d’essere di chi l’ha scritto:  tutto viene raccontato e descritto in un modo, ma ciascuno se lo disegna in testa a seconda della personalità, delle esperienze e delle emozioni che lo caratterizzano; i protagonisti, i luoghi ed il resto, sono ben definiti in chi ci propone una storia e spesso ben presentati – quando viene fatto – ma un personaggio immaginato da un lettore non sarà mai uguale allo stesso immaginato da cento altre persone. 

Fatto il danno, visto il film e passato qualche giorno, della “brutta riuscita” – che, ribadisco, non è brutta proprio sempre – riusciamo a farcene una ragione: nella nostra testa tutto torna come abbiamo immaginato, e si va avanti con altre avventure letterarie.

Continue reading “La Fiaba come non l’avete mai vista: intervista al giovane illustratore Michelangelo Rossato”

Una passeggiata insieme a Lara su Il Sentiero della Strega

Dotate di poteri sovrannaturali, in comunione con l’occulto, oppositive nei confronti della società, resistenti alla sottomissione, libere, fiere e, quindi, Streghe.

Conosciamo tutti la Storia ed in tantissimi, nonostante le tragiche vicende scaturite dalla diffusione di certi pregiudizi soprattutto nel periodo buio che parte dal tardo Medioevo e sembra essersi concluso in Italia solo nel 1828 (anno in cui venne uccisa l’ultima “eretica”), sono ancora oggi molto, molto affascinati dalla figura della strega.

Premetto alcune cose fondamentali: il fascino di cui parlo, quello che anche io coltivo, non ha niente a che fare con i tarocchi, con le pozioni, con i filtri o con qualunque altro stratagemma pensato  – in positivo o in negativo – per conoscere passato, presente o futuro, o per attirare cose e persone nella nostra vita. Questa è la versione “cattiva” che penso si rivolga più a coloro che, dotati di una certa disperazione mista a molta ignoranza, pensano di ottenere ciò che vogliono ponendosi in una falsa posizione di superiorità rispetto al destino ed al cuore (perché è il cuore a decidere).

Continue reading “Una passeggiata insieme a Lara su Il Sentiero della Strega”

Elena Ribolzi e LeBambinediCaldalana: quando il filo che ci guida fuori dal labirinto si trasforma in creazioni ricche di poesia…

La vita è la più grande avventura, nel bene e nel male; dona e toglie, regala sorrisi e mette alla prova, sparpaglia sul nostro sentiero petali profumati di felicità, rendendo meno pesanti le cadute nelle delusioni e nelle sconfitte comuni a tutti. Siamo fatti di limiti e difetti (apparenti), siamo composti di orizzonti di luce e vocazioni.

Amo immensamente le vocazioni, temo di averlo detto e ridetto (o scritto e riscritto, se preferite). Sono gli strumenti di salvezza e difesa, il filo che unisce la nostra anima ai luoghi in cui essa ha vagato prima di essere confinata entro i limiti del corpo.

Una vocazione può fornirci tutto il senso di cui abbiamo bisogno per vivere, può risollevarci da un periodo non proprio felice, può prenderci per mano e salvarci.

Continue reading “Elena Ribolzi e LeBambinediCaldalana: quando il filo che ci guida fuori dal labirinto si trasforma in creazioni ricche di poesia…”

Tè caldo, un sabato mattina e quattro chiacchiere con una Cappellaia un po’ matta

L’intervista di oggi l’ho fatta ad una giovane donna sarda che dei giovani racconta i tratti più caratteristici in questo nostro tempo attuale: bellezza e voglia di fare, cultura ma difficoltà ad imboccare un adeguato e meritato iter professionale.

Se una volta studiare fino a conseguire il più alto traguardo – la laurea – era il privilegio di pochi, oggi quel traguardo è l’obiettivo di alcuni perché, inutile negarlo, il famoso “pezzo di carta” spesso (troppo spesso) non ripaga dei tantissimi sacrifici affrontati.

Ovviamente, non sto qui a giustificare chi ha superato da tempo la fase “teen” ma ancora se ne resta a casa di mamma e papà senza neppure provare a camminare da solo/a (con un qualunque impiego dignitoso); parlo, piuttosto, di coloro che un corso di studi – con sacrifici annessi – l’hanno scelto, affrontato e portato a termine ma, ahimè, una volta pronti ad entrare nel mondo del lavoro, si son visti chiudere in faccia tutte le porte. Comprendo la delusione e condivido la rabbia; capisco anche i loro sfoghi quando affermano “se tornassi indietro farei altre scelte o andrei subito a lavorare”.

Continue reading “Tè caldo, un sabato mattina e quattro chiacchiere con una Cappellaia un po’ matta”

Arte, fantasia, talento e passione: le illustrazioni ed i disegni di Maria Sciarnamei

La vita dovrebbe sempre essere vissuta per e con passione, quella che leva il sonno e non conosce scoraggiamento, quella congenita che ci ha plasmato l’anima ancor prima di avvolgerci in strati di ossa e carne, quella che riempie gli occhi di lampi di genio e ci sprona al miglioramento, alla perfezione.

Prendete un’opera d’arte – una vera opera d’arte – e guardate oltre la sua inconfutabile bellezza; guardate ai sacrifici passati in quinto piano, agli affreschi fatti stando con il naso all’insù per intere settimane, al solo scopo di dar voce al proprio estro su un soffitto, alle statue di chi con pazienza e scalpello ha modellato legno, granito e marmo fino a farne creature mitologiche ed esseri umani talmente perfetti da sembrare reali, ai capolavori di chi ha scritto, ripreso e corretto romanzi per decenni della sua vita, rendendoli poi accessibili ad un mondo che li ha celebrati – e celebra ancora – come le colonne portanti della Letteratura e della Cultura di ogni tempo.

Continue reading “Arte, fantasia, talento e passione: le illustrazioni ed i disegni di Maria Sciarnamei”

Le Lingue Elfiche come strumento per comprendere appieno l’universo tolkieniano: intervista allo scrittore Francesco Scarlata

 

Nasce da genitori inglesi a Bloemfontein (Sudafrica) il 3 gennaio 1892 e muore a Bournemouth il 2 settembre 1973; amico di C. S. Lewis – autore de Le Cronache di Narnia – e considerato per anni scrittore di una prosa di second’ordine, oggi John Ronald Reuel Tolkien è finalmente celebrato come il padre della Narrativa Fantasy Moderna. Dalla madre, morta quando lui aveva solo 12 anni, Tolkien ha ereditato l’amore per le fiabe, per la mitologia e per le lingue antiche, amore che lo accompagnerà per tutta la vita e che lo porterà, dopo l’esperienza della guerra ed assieme ad altre vicissitudini personali, alla stesura di una serie di poemi e racconti fantastici, poi distinti ne Lo Hobbit, Il Signore degli Anelli (pubblicato, solo per questioni editoriali, come trilogia nei volumi: La Compagnia dell’Anello, Le due Torri, Il ritorno del Re) e il Silmarillion (rimasto incompiuto).

Continue reading “Le Lingue Elfiche come strumento per comprendere appieno l’universo tolkieniano: intervista allo scrittore Francesco Scarlata”

Mondo reale e mondo interiore: la creatività, l’arte ed i dipinti di Serena Zanardo

Sentire l’esigenza di esprimere se stessi credo sia il segno che identifica un’anima in viaggio, in cerca, in evoluzione; la vita fornisce ogni giorno gioie e fastidi di cui occuparsi, di suo sarebbe già piena ed impegnativa ma alcuni non riescono a sentirsi vivi e realizzati se non trovano un modo, quello più congeniale, per dar voce al proprio mondo interiore, alle proprie domande, alle proprie risposte, alle esperienze passate, significative, belle o meno belle che siano.

Continue reading “Mondo reale e mondo interiore: la creatività, l’arte ed i dipinti di Serena Zanardo”

Di rime, Filastrocche, realtà inventate, di presepi, talento e porte delle fate: benvenuti tra le magiche creazioni di Antonella Turchetti

Se c’è una cosa che ho capito della vita è questa: il destino ama mescolare e rimescolare le carte a piacimento, con continui colpi di scena, togliendo e donando in momenti in cui tu neppure te lo aspetti. La mia avventura nel mondo virtuale è iniziata, a suo tempo, con MySpace: profilo rigorosamente viola (su questo sono di una ripetitività noiosissima), pensieri sparsi (già allora!) e tanta, tantissima musica (Myspace lo prevedeva ma essa è da sempre una parte fondamentale della mia vita). Dopo è arrivato il profilo su Facebook, poi la pagina ed ora il blog. Alcune cose si ripetono, altre evolvono, altre restano immutate.

Continue reading “Di rime, Filastrocche, realtà inventate, di presepi, talento e porte delle fate: benvenuti tra le magiche creazioni di Antonella Turchetti”

Lao Tze lo diceva: quello che il bruco chiama fine del mondo, il resto del mondo chiama farfalla; lì in mezzo, in continuo divenire, ecco per voi una magica Crisalide

Il mondo è bello perché è vario, si dice così… giusto? Io sono d’accordo per quello che riguarda la varietà ma non penso, né mai l’ho pensato, che questo implichi illusioni di alcuna sorta riguardo al ‘vivere tutti insieme felici e contenti’.

Puoi vivere generalmente felice, puoi essere a tratti contento, purtroppo però non tutti sono felici e non tutti sono felici assieme.

Continue reading “Lao Tze lo diceva: quello che il bruco chiama fine del mondo, il resto del mondo chiama farfalla; lì in mezzo, in continuo divenire, ecco per voi una magica Crisalide”

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: