Cerca

Purple Soul

Le cose materiali permettono la vita; la Poesia nutre lo spirito. (G. Pannia)

Dicembre:

la pioggia frequente,

la neve nell’aria,

i doni da fare,

gli Wham in sottofondo

a cronometrare il Natale.

(Gabriela Pannia)

1/12/2018

Annunci

Mi mostro fredda per nascondere le mie mille fragilità. Io: un po’ bimba al parco giochi, un po’ donna delle nevi.

(Gabriela Pannia)

1/12/2018

Conto le perdite nei solchi dell’anima; conto tutte le perdite, nessuna esclusa: una persona cara, una speranza, la fiducia in qualcuno, un animale domestico.

Le conto, ci ho pianto, ci piango e non le scordo.

Perdendo si rinasce, sì.

Ma, ogni volta, si muore anche un poco.

(Gabriela Pannia)

13/11/2018

Amo il silenzio con cui cala la sera.

E la luce. E le trame.

E l’atmosfera.

(Gabriela Pannia)

18/11/2018

Insulto: l’ultima spiaggia dei gelosi che non ti arrivano o degli arroganti a cui smantelli la presunta ragione.

(Gabriela Pannia)

18/11/2018

È vero, nella realtà i supereroi non esistono. Ma se riesci a immaginarli e crearli per un mondo che ne avrebbe un gran bisogno forse, nel tuo piccolo, sei proprio tu il supereroe.

(Gabriela Pannia)

13/10/2018

Buon viaggio super scortato, Stan Lee 💜

Che poi, alla fine, calato il sipario e chiusi i battenti, di un uomo non resta che questo: non tanto i traguardi raggiunti, ma il modo in cui ha camminato.

(Gabriela Pannia)

11/11/2018

Musica in sottofondo: Sunset Lover

– Notte. A me la notte fa un po’ paura.

– Per tutto quel buio?

– No. Per tutte quelle stelle.

– E perché mai le stelle dovrebbero farti paura?

– Perché sono stregate, cantastorie, suadenti. Ti fanno credere, ancora e ancora, in quelle cose che il giorno scoraggia con mille intoppi.

(Gabriela Pannia)

9/11/2018

Non abbiamo che un diritto, la vita.

Non abbiamo che un dovere, la libertà.

(Gabriela Pannia)

4/11/2018

Tanti i miracoli, pochi che si ripetano. Gli assidui sono la vita, la speranza, il mattino.

(Gabriela Pannia)

4/11/2018

Odor di terra nei parchi di città,

le foglie cadute o trattenute

per metà.

Dubbi fissati come insegne

pubblicitarie,

certezze in bilico,

motivazioni forfettarie.

Pensieri labili come respiri

infreddoliti,

quel senso di concluso

per gli orizzonti più disparati.

Novembre è una pioggia

che sa di scelte e di destino,

il prenderti l’anima

rivoltandola come calzino.

È il tempo dei santi,

il mausoleo dei morti.

La formula della vita,

lo slancio dei risorti.

[Novembre – Gabriela Pannia]

3/11/2018

Che tu abbia sempre una ragione per restare; che tu abbia sempre una ragione per andare.

L’incertezza è la condizione umana più complessa.

(Gabriela Pannia)

3/11/2018

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: