Cerca

Purple Soul

Le cose materiali permettono la vita; la Poesia nutre lo spirito. (G. Pannia)

Tag

Affetto

Ci metteva un po’ a convincerla ma, alla fine, con due moine ci riusciva; adorava pettinare i capelli di sua nonna. Era come se, d’improvviso, da quella chioma bianca e nobile potessero cadere storie, farfalle e monili di tempi lontani.

(Gabriela Pannia)

Questa primavera sacrificata non è venuta meno al suo lavoro.
I legami solidi splendono ancor più rigogliosi.
Quelli campati per aria sono caduti al suolo.

(Gabriela Pannia)

Vieni a cingermi di immenso e stelle, mia sera.

Le tue braccia sanno essere affidabili e affettuose come quelle di colei che mi ha messo al mondo.

(Gabriela Pannia)

Come scivola il tempo, com’evapora la felicità, come si svuotano gli abbracci, come cambia la strada.

Dicono che non ci sei più, ma chi vuoi che li ascolti.

Presenza è un concetto talmente soggettivo che nessuna dichiarazione sul suo conto passa mai come folle completamente.

(Gabriela Pannia)

27/10/2018

Mi piacciono le persone che ci sono anche quando sembra di no, quelle che vedi o senti poco non per cattiveria ma perché il tran tran di ogni giorno ti trascina altrove, quelle che ci parli un minuto ed è come riprendere un dialogo interrotto solo qualche ora prima, anche a distanza di anni. Adoro le persone che non cambiano, o che se cambiano lo fanno in meglio, perché sono più forti di qualunque tristezza, prova, distacco e sgambetto della vita. (G. Pannia)

10/10/2015

Senza affetto, complicità ed affinità si è distanti anche stando vicini; chi s’ama, in fondo, è sempre accanto all’altro. Se non fisicamente, lo è con il pensiero. Se la dimensione è diversa, ci riesce col ricordo. (G. Pannia)

24/04/2017

Sarà come rincontrarsi in uno spazio privo di barriere, nel tempo sospeso dove i tuoi occhi si scioglievano nei miei e con essi si spartivano le eccitanti incertezze sul futuro; correremo in mezzo a prati pullulanti di primavera, rideremo col cuore lieto dei fanciulli, ti darò fraternamente la mia mano, e saprò senza capire come di non averla mai distaccata dalla tua. (G. Pannia)

15/03/2016

Al tramonto tutte le certezze si fanno affettuose, tutte le incertezze si trasformano in speranze. (G. Pannia)

3/03/2017


Abbiamo tutti bisogno di fallire per trovare le strade del successo, di piangere per comprendere il valore immenso di una risata, di sperimentare la delusione per capire di chi fidarci. Prendi un amico vero, ad esempio. È sempre in grado di calcolare i tuoi tempi, la distanza di sicurezza dalla sottile linea del baratro. Così ti lascia solo quanto serve; poi, quando quel tuo star solo diventa eccessivo, viene, ti scuote, e ti riprende. (G. Pannia)
24/06/2016

Blog su WordPress.com.

Su ↑

<span>%d</span> blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: