Cerca

Purple Soul

Le cose materiali permettono la vita; la Poesia nutre lo spirito. (G. Pannia)

Tag

Cambiamenti

È Pasqua, non possiamo fare gite fuori, ma possiamo avventurarci dentro.
Nei nostri pensieri, nelle nostre famiglie, nei nostri cuori.
Eliminiamo le erbacce degli egoismi, seminiamo consapevolezza ed evoluzioni.
Tornerà nuovamente il sole e troverà, ovunque, meravigliosi giardini.

(Gabriela Pannia)

Il mondo che uscirà da questa sciagura dovrà essere un mondo per forza rivoluzionato.

Stiamo capendo cosa sia la prigionia e la limitazione della libertà, solo che noi lo stiamo capendo nel tentativo di salvarci, gli animali l’hanno sempre subito per trastullarci o compiacerci.

Continua a leggere

Non so ancora quanto ci vorrà, ma per la prima volta da quando l’incubo è iniziato intravedo un po’ di luce.
Wuhan che dimette il suo ultimo paziente, gli esercizi commerciali che chiudono di propria iniziativa per mero senso civico, le strade vuote e la gente che condanna in un sol coro chi trasgredisce, Codogno e gli altri luoghi che hanno pazientemente sopportato la quarantena che ora vedono il frutto dei propri sacrifici.

Continua a leggere

Che tu sia frenetico come il vento che prende le preoccupazioni e le porta via, disfacendole in coriandoli d’aria nel cielo. Che tu sia calmo come la sabbia dei deserti che cambia luogo e cambia prospettiva, che ora è pianura ora è duna, eppure mai tradisce la sua essenza.

(Gabriela Pannia)

Non esiste solo il destino, non esistono solo i passi; forse esiste un destino che cambia in altre forme e significati a seconda dei passi.

(Gabriela Pannia)

I dolori estremi rendono estreme le persone.

O estremi egoismo, cattiveria e distruzione.

O estreme profondità, empatia ed esplosioni d’arte.

(Gabriela Pannia)

E ritornano…

come onde inaspettate

si schiantano sulle coste della tua anima;

la vìolano, la sconvolgono, la confondono,

ancora…

in attimi che sembrano eterni.

Continua a leggere

Ci hai messo il cuore, la pelle, l’anima, le lacrime e tutte le tue forze per essere ciò che sei; se qualcuno ti descrive in altro modo non farti confondere. Osserva la tua immagine in uno specchio, prenditi il tempo che occorre per riconoscerti, accarezza le tue cicatrici, coccola le ciocche dei tuoi capelli, sorridi e, a dispetto di tutto e tutti, esci e sii ancora indiscutibilmente, meravigliosamente te stessa.

(Gabriela Pannia)

Il fatto sai qual è? Che certe cose non succedono per colpa nostra.

Chissà in quante occasioni un briciolo di coraggio in più avrebbe potuto o potrebbe cambiare per sempre le mappe del nostro destino.

(Gabriela Pannia)

Buongiorno alla notte che va solo dopo aver svelato cose e pulito il cuore, che sa lasciarci tra le braccia del mattino con una nuova luce dentro.

Buongiorno a chi riparte uguale e cambiato, alla grinta che ci spinge avanti, a ogni nuova consapevolezza che ci porta altrove.

(Gabriela Pannia)

Sai, ho deciso di lasciar andare le tristezze.

Come le gocce della pioggia che cade.

Come la neve che scende in montagna.

Come un fiume che sfocia nel mare.

Con la voglia di tornare a me,

da chi senza confusione riesce a farmi stare bene.

(Gabriela Pannia)

Scendono le ombre sulle strade, cala il sipario su questo strano e lungo ottobre.

Viene novembre, il mese di chi è andato e di chi c’é.

Di quegli abbracci che un sogno sa confondere, che non svela quanto siano desideri e quanto, invece, realtà.

(Gabriela Pannia)

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: