Cerca

Purple Soul

Le cose materiali permettono la vita; la Poesia nutre lo spirito. (G. Pannia)

Tag

Estate

Luglio è come una manciata di stelle che scalda in mezzo al cielo terso: lo guardi e pensi che anche il progetto di un sogno impossibile sia possibile.

(Gabriela Pannia)

L’estate c’è quando l’ottimismo, il sorriso, i colori e la leggerezza sono un fatto naturale.

(Gabriela Pannia)

Domenica d’estate e colazione fuori, e bisogno di mare, e bagni di sole, e boschi frondosi, e musica allegra e voglia, ingordissima voglia, di rinascere ancora.

(Gabriela Pannia)

È il primo giorno d’estate di questo 2020 che nessuno dimenticherà.
Datemi l’abbraccio di mia madre, un tuffo in mezzo al mare, l’odore di casa, il mestolo su cui il domani ha un diverso e più dolce sapore.

(Gabriela Pannia)

Giugno: il cielo azzurro negli occhi, i costumi da bagno in vetrina, la scuola a riposo, la colazione in terrazza, l’estate alle porte.

(Gabriela Pannia)

Che io possa almeno l’estate in compagnia del mio mare.
Con la voce del mare,
con la potenza del mare,
con quei suoi rimedi supernaturali che più di ogni altra cosa mi sanno rigenerare.

(Gabriela Pannia)

Il sale del mare e il bacio del sole.

Nessuna estate può andare senza lasciare cose così.

(Gabriela Pannia)

Tra le cose che rimpiangerò tantissimo dell’estate

c’è il mare; ma quelli nati nel suo canto,

col suo odore inconfondibile nel vento,

ovunque sono e ovunque vanno

il mare se lo portano dentro.

(Gabriela Pannia)

Prova a dire sabato e aggiungi la parola estate.

Dimmi se non senti quella pazza voglia di partire.

(Gabriela Pannia)

Amo le notti d’estate perché il cielo è terso, perché vedi tutte le stelle, perché liberando lo sguardo in quello spazio senza confini riesci a credere, ancora, in tutti i tuoi sogni.

(Gabriela Pannia)

Guarda fuori, ha piovuto stanotte; il cielo si è imbronciato alle prime ore delle sera e dopo ha squarciato con i suoi lampi il calmo scintillio delle stelle. È frizzante l’aria di questa mattina, ancora umida delle ultime gocce di pioggia. È stato come essere illuminati da un’idea geniale apparsa d’improvviso in mezzo ad infiniti dubbi, come riprendersi provvidenzialmente da un estivo senso di torpore. È come aver ritrovato e riacciuffato le redini dei progetti, avvolta tra le lenzuola, col mio gatto acciambellato sui piedi e con lo sguardo perso nel cadenzato precipitare oltre i vetri piangenti. È così la natura, quasi come una madre. Con un giorno di sole ti coccola e ti lascia riposare, con una notte di pioggia ti scuote e ti incoraggia a vivere. (Gabriela Pannia)

7/08/2016

Di agosto mi piacciono le fiabe al chiar di luna, i tramonti che infiammano il cielo, le promesse d’amore sulla sabbia tramutate in lunghe storie di cuore. (Gabriela Pannia)1/08/2018

Blog su WordPress.com.

Su ↑

<span>%d</span> blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: