Cerca

Purple Soul

Le cose materiali permettono la vita; la Poesia nutre lo spirito. (G. Pannia)

Tag

Mare

Tra le cose che rimpiangerò tantissimo dell’estate

c’è il mare; ma quelli nati nel suo canto,

col suo odore inconfondibile nel vento,

ovunque sono e ovunque vanno

il mare se lo portano dentro.

(Gabriela Pannia)

Annunci

Adoro quando guardo il mare e non trovo il punto in cui inizia il cielo. Come due dimensioni parallele vicinissime, con la foschia a fare da collante tra il cuore di chi è ancora qui e lo spirito di chi è già là.

(Gabriela Pannia)

Le conti sulle dita, le cose belle davvero. Una è il sole che, assieme al mare, alla terra e al cielo, racconta all’universo un altro giorno di luglio.

(Gabriela Pannia)

Al Sud la gente ti guarda in faccia quando t’incrocia, ti regala un sorriso e ti chiede se hai bisogno se ti vede in difficoltà; non scappa se le rivolgi una domanda, non ti tiene a distanza, non ti guarda con sospetto.

Al Sud se un uomo ti aiuta a portare una valigia è perché vuole aiutarti a portare la valigia. Non è perché ci prova e talvolta, perché non ci prova, ci resti un po’ male.

Al Sud l’aria odora di mare anche se il mare è ancora distante; i campi, ogni tanto, sono come la borsa di una donna: un po’ confusi ma provvisti del necessario.

Al Sud il sole sa essere estivo senza farti evaporare l’anima, anzi l’anima te la prende e l’accompagna in paesaggi che sanno sia di selvatico sia di meraviglia.

Al Sud non esiste solitudine o sconforto. Ce la si fa sempre perché “siamo nati per lottare”; la forza d’animo ha la sfrontatezza dei paesotti arroccati sui monti, delle abitazioni solitarie che se ne stanno a picco sul mare.

Al Sud il mare è azzurro come il cielo, la sabbia fine come il sale, gli scogli duri come le teste, le case profumate di ragù e tradizioni, le Chiese piene di persone e rituali ancestrali.

Al Sud ti senti sempre a casa, anche se casa tua è ormai altrove. I giovani hanno gli occhi pieni di orizzonti lontani e gli anziani ridondanti di antica saggezza.

Ti accorgi di essere arrivata al Sud dagli odori dell’aria, dal tocco del vento, dalla serenità del cuore, dalla colazione in un bar.

Con tre euro prendi il cornetto, il cappuccino, una bottiglietta d’acqua, un bicchiere d’acqua aggiuntivo, uno sguardo amichevole e un paio di battute che possono strapparti una sana risata.

Fa bene stare al Sud ed essere del Sud.

La gente se ne accorge e non solo per l’accento.

Il Sud è una filosofia di vita, è una forza diversa, un miscuglio di culture che ti rende ricco, riconoscibile e umano eternamente.

Te lo porti dentro sempre, il Sud.

Se resti, se vai, se vai ma poi torni.

(Gabriela Pannia)

Il mare all’orizzonte, la domenica sul calendario e un sole gentile.

Piccole cose che, messe insieme, sanno dare alla vita calore, colore e felicità.

(Gabriela Pannia)

La vita dovrebbe essere bella così: come la camminata serena che fai sotto il sole, quando l’orizzonte ti aspetta nell’azzurro del mare.

(Gabriela Pannia)

Le sere di giugno: quando il sole si fa clemente

e l’aria più gentile.

Quando, se pensi a un odore,

è quello del mare.

(Gabriela Pannia)

Abbiamo tutti bisogno di un angolo pacifico, un grembo emotivo, un luogo di ricarica. Se avete trovato quel luogo, frequentatelo spesso. Se quel luogo è una persona, tenetevela stretta.

(Gabriela Pannia)

Sto bene al mare, nel mare, pensando al mare.

Il mare è uno degli amori più grandi della mia vita.

(Gabriela Pannia)

Mi perdo volutamente, amo rifugiarmi là. Sul mare al tramonto, nel bel mezzo dell’abbraccio tra le mie predilette profondità.

(Gabriela Pannia)

Siamo noi stessi di fronte al mare. Forse perché il mare è se stesso per primo e ci sentiamo rassicurati.

(Gabriela Pannia)

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: