Funzionalità di ricerca

Purple Soul

Le cose materiali permettono la vita; la Poesia nutre lo spirito. (G. Pannia)

Tag

Mese

Maggio è il canto che si leva dalle chiome del terreno e da quelle degli alberi; è il sole che promette sole, l’aria che consegna gli inviti del mare, la speranza vestita a festa, un portentoso ottimismo infilato furtivamente nel cuore.

(Gabriela Pannia)

Ottobre che si fa pian piano più anziano e quel tondeggiare di zucche che cova brividi di freddo incisivo e di feste dal retrogusto catartico.

I boschi accesi, gli animi in contemplazione.

Ogni mese ha il suo perché,

ma ottobre ne ha più d’uno.

(Gabriela Pannia)

Ecco settembre dai venti freschi e dai toni caldi, dai cicli nuovi e dalle speranze di sempre. Vieni, mese tanto atteso.

Confidaci le tue malinconie, portaci cose belle.

(Gabriela Pannia)

Aprile: il mese allegro che avanza scalzo su prati bianchi di margherite.

(Gabriela Pannia)

1/04/2019

Lungo è novembre,

uno stare sospesi.

A novembre la vita

regala sprazzi

d’eternità.

(Gabriela Pannia)

2/11/2018

Paiono corolle appena schiuse sui rami dell’anno, i risvegli di maggio; voli pindarici dai sogni del riposo notturno ai pensieri che pregustano l’agognato riposo estivo. (Gabriela Pannia)

1/05/2018

Con crochi, primule e viole ai piedi, coriandoli impigliati tra i giorni a seguire, febbraio arriva e non perde tempo; su note di uccelli a solleticare la primavera, nel suo esistere breve, eccolo disporre sole e colori, speranze ed attese immortali. (Gabriela Pannia)

1/02/2018

Col profumo di candele accese a far luce sugli enigmi del nuovo, con passi innevati su sentieri di cose lasciate al passato; gennaio ha l’infanzia nei giorni e la saggezza antica di chi porta in spalla mille obiettivi concreti da consegnare con premura ai mesi che verranno. (Gabriela Pannia)

1/01/2018

Musica in sottofondo: Watching the Garden Grow – Quasi Bonsai

Ecco, dicembre viene ed accarezza con riverenza le ultime foglie appese, alita sui desideri di festa e di riposo. Ovunque c’è più freddo, c’é più caldo; giunto è il momento in cui la natura e l’animo umano osano straordinarie licenze poetiche. (Gabriela Pannia)

1/12/2017

Pigola la pioggia, danza il vento, fumano i respiri; apri la porta, sii grato ed accogliente. Da un lungo viaggio, è tornato novembre. (Gabriela Pannia)

1/11/2017

Ecco novembre che spunta accompagnato dai dimessi raggi di un sole sordo alla richiesta di andare in vacanza; sui marciapiedi ancora foglie rinsecchite, nel cuore l’accento a far da culla ai ricordi, per aria già quell’odore d’inverno. Di castagne, di plaid sulle spalle, di legna bruciata, di muschio bagnato. Di favole e resoconti acciambellati come gatti, ai piedi delle penultime settimane dell’anno. (Gabriela Pannia)

1/11/2017

Ottobre

Ho il suo marchio inciso

su anima e carta,

mi ha offerto i colori,

mi ha donato i natali.

Ed ora non ho

amicizia più certa.

I dubbi, le paure,

le speranze, le passioni

Il coraggio, la tenacia,

le cadute, i valori.

Ogni mese spiega,

insegna, soccorre,

ma io apprendo di più

quando il maestro

è il mio ottobre.

(Gabriela Pannia)

8/10/2017

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: