Cerca

Purple Soul

Le cose materiali permettono la vita; la Poesia nutre lo spirito. (G. Pannia)

Tag

nostalgia

Io non ho ricette contro la nostalgia, la mancanza e questo affezionarmi a sguardi e persone esclusivo, istintivo e viscerale.

Ho il rispetto che porto verso chi non vuol esserci.

Questo cullarmi, leccarmi e curarmi per conto mio.

Questo stare come sto che tengo dignitosamente in me e per me, senza disturbare.

(Gabriela Pannia)

Il Natale è una grande fregatura, ti rivela le cose effimere e le cose fondamentali.

Per questo certe presenze iniziano a sembrarti vuote e certe assenze cariche di nostalgia.

(Gabriela Pannia)

Io mi sento come una casa tra i monti, affacciata sull’acqua.

Ho l’immenso dentro e davanti a me,

ma sento che manca qualcosa.

Cerco di capire cosa sia quel qualcosa,

ma è un qualcosa senza forma,

senza voce,

senza scampo,

senza tempo.

(Gabriela Pannia)

Questa sera che scende trascinando tende di silenzio. E i colori scuri del cielo, e i pensieri profondi, e la nostalgia che attraversa la pelle posandosi come un velo sul cuore.

(Gabriela Pannia)

Come tramonta, questo ennesimo giorno del mondo. Scompare dietro ali dorate, sparge sulla natura pollini di enigmi irrisolti e nostalgia.

(Gabriela Pannia)

Chiudo gli occhi e il mio animo malinconico suggerisce l’odore di castagne e mandarini, mentre l’aria cocciutamente calda si fa beffa del calendario; è uno stare in bilico tra due mondi, o due cicli. Viene sera. Ci pensi? È già settembre. (Gabriela Pannia)

1/09/2018

Regala più arancione e magia questa sera, il tramonto. Accarezza la nuca, vuol farsi perdonare; silenziosamente serra quel fagotto in cui ha stipato il giorno, l’estate, il gaio mese d’agosto. (Gabriela Pannia)

31/08/2018

Troneggia come un falò acceso in mezzo al cielo, il tramonto. Si alimenta con la promessa di nuovi inizi, si consuma nel dolce e amaro sapore della nostalgia. (Gabriela Pannia)

27/08/2018

È una sera che pare scordarsi dell’estate. Laggiù tra gli steli, lì in mezzo alle nuvole a velo, si respira di già il croccante profumo dell’autunno. (Gabriela Pannia)

23/08/2018

Ho la nostalgia dell’infanzia, delle cose passate. Di quando pensavo che certe semplici e meravigliose giornate sarebbero state per sempre. (Gabriela Pannia)

8/01/2018

Sono vittima dello stesso mal di mare dei pescatori, di quella nostalgia che ti attanaglia quando brami la solitudine di una spiaggia; lì, solo tu, a raccattare risposte che conosci oppure no, fatte di onde inscrespate, d’intuizione profonda, di svolta e di silenzio. (G. Pannia)

11/08/2017

Manchi come mancano le gemme nel più caduco degli autunni. (G. Pannia)

26/04/2016

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: