Ricerca

Purple Soul

Le cose materiali permettono la vita; la Poesia nutre lo spirito. (G. Pannia)

Tag

Profondità

Il mare è il richiamo che si esibisce in concerto nel cuore, la casa di anime fatte di profondità e di vento.
Il bisogno continuo di tuffarsi in risposte sincere,
la burrasca di chi non smette mai di farsi domande.

(Gabriela Pannia)

Foto: Roberto Lorenzo

Non abbiate paura di avventurarvi in luoghi poco frequentati, sui mari della consapevolezza e a pesca di profondità; non rinunciate a essere persone migliori.
Il mondo ne ha bisogno, l’umanità ancor di più.

(Gabriela Pannia)

Non è per tutti l’empatia.

Non è per troppi la profondità.

(Gabriela Pannia)

Ognuno ha l’anima che ha e con i suoi limiti,

i suoi pregi, i suoi tempi, i suoi orizzonti e le sue profondità,

dovrebbe sorseggiare l’avventura della vita

senza attentare all’anima degli altri.

(Gabriela Pannia)

Amo le persone profondamente mature, qualunque età esse abbiano. Quelle che la pelle ce l’hanno permeabile; e il tempo, e le esperienze, e le lezioni diventano saggezza, consapevolezza e ricchezza interiori.

(Gabriela Pannia)

L’intensità ne allontana troppi.

Ma quelli che restano,

quando restano,

valgono per mille.

(Gabriela Pannia)

A contatto col mare ti ritrovi,

conosce la lingua della tua parte immortale.

Il mare è come l’anima.

Profondo, complesso e senza un’età.

(Gabriela Pannia)

Non fatevi dire da nessuno come affrontare la notte, cosa leggere tra le stelle, quanto fidarsi della luna. La notte è un esclusivo e grande amore; dona in base a quanto, individualmente, si è in grado di dare.

(Gabriela Pannia)

Il vero sorriso non è dei superficiali.

Sorride bene chi ha attraversato tanti giorni no ma decide di dire ancora sì alla fiducia nelle promesse sempre accese della vita.

(Gabriela Pannia)

A Natale regalati più amore per te.

La vita è breve, godine quanto ne vuoi.

Le occasioni se ne vanno, afferrale al volo.

Il miglioramento è un dovere, ma non giudicarti spietatamente.

La profondità è fondamentale ma, quando si può, prendi le cose con leggerezza.

(Gabriela Pannia)

Come diventano complicate, le donne a cui il dolore ha cucito addosso strati e strati di corazze.

Trovano il mare, il cielo, un foglio di carta o altri contenitori sicuri e ci versano continuamente l’anima; diventano secche, timorose e ostili in tutte le situazioni a rischio.

Con silenzi, con distanze, con gesti, con parole.

Così spesso finiscono col farsi altro male,

da sole: chi vogliono va via convinto di non contare nulla.

Gli altri restano perché quel non essere provocati, perlustrati, attaccati e confusi li illude che siano importanti.

(Gabriela Pannia)

Adoro le persone solari, ma amo quelle simili alla notte; al primo sguardo ti appaiono chiuse, ostili e buie. Poi concedi loro più attenzione e scopri che non ne esistono di più profonde.

(Gabriela Pannia)

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: