Cerca

Purple Soul

Le cose materiali permettono la vita; la Poesia nutre lo spirito. (G. Pannia)

Tag

Ragione

Di notte i sogni bussano un po’ più forte, la ragione è più propensa ad aprire la porta, il cuore festeggia mettendo stelle in un vaso, il silenzio e la luna raccontano storie a lieto fine.

(Gabriela Pannia)

Il tramonto è lo spartiacque tra la luce impetuosa del giorno e la luce soffusa della notte.
Tra la ragione che prevarica spavaldamente sui sogni e i sogni che plasmano garbatamente la ragione.

(Gabriela Pannia)

Ai pensieri di fine giorno, quelli che cedono al cielo un po’ di ragione e ottengono in cambio leggerezza e poesia.

(Gabriela Pannia)

Che tu abbia sempre una ragione per restare; che tu abbia sempre una ragione per andare.

L’incertezza è la condizione umana più complessa.

(Gabriela Pannia)

3/11/2018

Al tramonto i pensieri si fanno leggeri come cannucce cullate dal vento; esigono il silenzio della ragione, si pongono in ascolto delle ragioni del cuore. (Gabriela Pannia)

1/09/2017

La notte è il tempo in cui cuore e ragione siglano la tregua, ammaliati ed imprigionati dalla comune e sconvolgente visione delle stelle. (G. Pannia)

20/07/2017

Anteponi sempre il cuore alla ragione; c’è più valore in un palpito che in un pensiero. (G. Pannia)

19/07/2017

Vorrei che fosse una notte colma di luce; non di stelle, non di luna, non di lampioni. Vorrei che fosse una notte rischiarata dai propositi di un’umanità che ha ritrovato il lume della ragione. (G. Pannia)

24/05/2017

Non seguire esclusivamente il cuore, rischi di farti troppo male; non seguire esclusivamente la ragione, rischi di non vivere sul serio. Segui l’istinto, il solo che ascolta un po’ tutto e che dispone di un preziosissimo senso aggiuntivo. (G. Pannia)

29/01/2016

Date ad ogni facoltà umana un regno in cui dimorare indisturbata: alla ragione tutto quel che tranquillamente galleggia in superficie, all’emozione ciò che smuove il fondo e tocca il cielo, all’intuito ogni evidenza naturale e sovrannaturale che ragione ed emozione non hanno ancora conquistato. (G. Pannia)

10/05/2017

Sera, adesso. Abbassate le luci della ragione, e godete appieno delle delicate sfumature dell’anima. (G. Pannia) 

17 novembre 2015

Sono il magico baccello in cui germoglia la vita, le ginocchia piegate da antiche sottomissioni e reiterati soprusi, la forza pregna di cocciutaggine e coraggio con cui si abbattono muri e si partorisce un figlio; sono lo sguardo sensuale della femminilità ancora acerba, quello innocente di una bambina che gioca all’adulta sui tacchi di sua madre, quello corrucciato di saggezza, ricordi e rughe venute ad ubbidire alla legge del tempo. Sono colei che potrebbe amarti col corpo o col cuore, il più delle volte con tutta se stessa; sono la rosa sbocciata al culmine di uno stelo colmo di spine, il sorriso che non potrai mai dimenticare o il non amarti che non riuscirai a perdonare. Sono perfetta nella mia imperfezione: un impasto di carne vibrante e anima protesa ad inquietudini irrazionali. Sono mistero, incoerenza, dedizione, freddezza, amore, odio, intimo e lunatico capriccio; sono e sarò ancora la tua principale fonte di tormento e, al contempo, la presenza che sembrerà dare un senso alla tua vita intera. Sono dignità, intelligenza, incontestabile valore. Portami una mimosa, un cioccolatino, un peluche; ma prima, ovunque e comunque, qualunque età anagrafica abbia il corpo che ospita questa mia anima perennemente fanciulla, riconosci, promuovi, difendi, tutto il rispetto che da sempre mi è dovuto, e che a lungo, ancora oggi, mi è stato e mi viene imperdonabilmente negato. (G. Pannia)

8/03/2016

Blog su WordPress.com.

Su ↑

<span>%d</span> blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: