Cerca

Purple Soul

Le cose materiali permettono la vita; la Poesia nutre lo spirito. (G. Pannia)

Tag

Stagione

Autunno, caro autunno.
Torna portando con te solo la tua struggente e caduca poesia.

(Gabriela Pannia)

Ottobre che si fa pian piano più anziano e quel tondeggiare di zucche che cova brividi di freddo incisivo e di feste dal retrogusto catartico.

I boschi accesi, gli animi in contemplazione.

Ogni mese ha il suo perché,

ma ottobre ne ha più d’uno.

(Gabriela Pannia)

Ottobre prova, ottobre cela. Tra i frutti più dolci e amari di questo mese solo gli impavidi decidono per la sua ardente malinconia.

(Gabriela Pannia)

Ai giorni di pioggia improvvisa, di vento capriccioso, di danze di foglie e di intimo raccoglimento; agli sguardi coperti dalle ciocche spostate dall’aria, agli ombrelli in borsetta, alle cioccolate nei bar. Alle letture col plaid sulle gambe e il tè caldo nella tazza, alle passeggiate in cerca di soluzioni e castagne, ai primi fuochi scoppiettanti nei camini. Ai mesi d’autunno e al loro inconfondibile splendore.

Alla loro poesia; al loro saper maturare, spiegare, commuovere e rinnovare.

(Gabriela Pannia)

Benvenuto autunno 💛

IMG_1080.JPG

Svegliarsi al principiare dell’inverno, con i fiocchi che si rincorrono sinuosi come le preghiere per i bei doni dei bambini.

(Gabriela Pannia)

21/12/2018

Ciascuno di noi dovrebbe essere un po’ come l’inverno: privo del timore di mostrarsi in ogni sfaccettatura, immune all’ansia di piacere a tutti. (Gabriela Pannia)

21/12/2017

Autunno. E questo mio nostalgico, adepto di soffi e correnti d’aria, mal di foglie. (Gabriela Pannia)

13/10/2017

Ottobre

Ho il suo marchio inciso

su anima e carta,

mi ha offerto i colori,

mi ha donato i natali.

Ed ora non ho

amicizia più certa.

I dubbi, le paure,

le speranze, le passioni

Il coraggio, la tenacia,

le cadute, i valori.

Ogni mese spiega,

insegna, soccorre,

ma io apprendo di più

quando il maestro

è il mio ottobre.

(Gabriela Pannia)

8/10/2017

L’autunno è una bevanda dolce e amara caldissima da sorseggiare lentamente, sospirandoci sopra, per non ustionarsi l’anima al cospetto della sua incommensurabile poesia. (Gabriela Pannia)

3/10/2017

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: